Conclusa a Casale Monferrato la prima edizione del Festival della virtù civica

COMUNICATO STAMPA n. 4   SI E’ CONCLUSA A CASALE MONFERRATO LA PRIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA VIRTU’ CIVICA (23 NOVEMBRE – 5 DICEMBRE 2017)   Sviluppo sostenibile, economia circolare, tutela dell’ambiente, legalità, giustizia, sono solo alcune delle parole chiave che sono risuonate nel corso della prima edizione del Festival …

Primo Barzoni

Nato a Viadana nel 1954, Primo Barzoni è presidente e amministratore delegato di Palm spa (Mantova), un’azienda familiare che produce pallet e imballaggi in legno con un approccio sistemico, innovativo ed ecosostenibile. Ha fondato la cooperativa Palm W&P onlus, un’impresa sociale nata per favorire l’inserimento dei ragazzi diversamente abili nel mondo del lavoro. È anche fondatore e Presidente di Ecofriends – Cittadini e Imprese Amiche dell’Ambiente, associazione che vuole avvicinare produttori e consumatori attraverso la sostenibilità.

Convegno | Economia sociale e nuova occupazione. Esperienze a confronto

Rosy Battaglia

Rosy Battaglia, data e civic journalist, è l’ideatrice di Cittadini Reattivi, progetto di crowdsourcing journalism su salute, ambiente e legalità premiato da Fondazione Ahref  nel 2013 e che fa parte del Crowd-Powered News Network creato da Amanda Zamora di Propublica. Le sue inchieste sono state pubblicate su Wired Italia, Nòva Il Sole 24 Ore, La Nuova Ecologia, Terre di Mezzo. Membro dell’ufficio di presidenza della Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA), come presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Cittadini Reattivi ha aderito alla campagna per il Freedom Information Act in Italia, FOIA4Italy. Già premio Informazione Digitale La Stampa, nel 2015 ha ricevuto il premio Reporter per la Terra da Earth Day Italia per il suo lavoro di informazione sui siti contaminati in Italia, impegno approdato su Wired con l’inchiesta Il prezzo dell’amianto, curata da Guido Romeo, realizzata insieme a Gianluca De Martino e Davide J. Mancino. L’inchiesta è collegata alla petizione #AddioAmianto.

VIDEO | La rivincita di Casale Monferrato

 

Vai al blog

Flavia Bianchi

Architetto, è dirigente da oltre 20 anni di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta (e membro, in diversi periodi, anche del Consiglio nazionale e del Comitato Scientifico). Ha profuso una rilevante attività di ricerca, elaborazione di proposte, di confronto con altri soggetti del mondo sociale ed economico, di verifica di esperienze, di organizzazione di iniziative, con l’obiettivo di stimolare una diversa pianificazione territoriale e progettazione urbanistica, basata sul contenimento del consumo di suolo, il recupero del patrimonio edilizio ed infrastrutturale esistente, il risparmio energetico, la mobilità sostenibile, la riduzione di rifiuti.

LIBRI | Il suolo sopra tutto. Cercasi terreno comune

Antonello Brunetti

Per il territorio in cui è nato, la Valle Scrivia, si è speso in ogni maniera: organizzando mostre, incontri pubblici e persino promuovendo scavi archeologici, denunciando già negli anni ‘70 i casi di smaltimento illecito e inquinamento industriale, agendo nel volontariato. Poi quando nel ’91 è emerso il progetto del Terzo Valico, finalizzato a costruire una linea ad alta velocità fra Genova e Milano, ha lanciato per primo l’allarme. E grazie alla mobilitazione che ha guidato, passando poi il testimone alle nuove generazioni, quell’opera inutile è fortemente in discussione. Oggi come insegnante è in pensione. Ma la passione per i suoi luoghi è quella di sempre. E’ tra gli otto finalisti del Premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” 2017.

PREMIO | Cerimonia conclusiva del premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” 2017

Giuliana Busto

Giuliana Busto

Giuliana Busto è la presidente dell’Afeva, l’associazione che riunisce i familiari e le vittime dell’amianto a Casale Monferrato. Già dipendente comunale, è da molti anni in prima linea nelle battaglie per gli obiettivi fondamentali di giustizia, bonifica e ricerca legati alla diffusione dell’asbesto, la fibra cancerogena cui la città di Casale, sede fino al 1986 di un sito produttivo dell’Eternit da 94.000 metri quadrati, ha pagato un tributo altissimo di vittime.

VIDEO | La rivincita di Casale Monferrato

Valerio Calzolaio

Valerio Calzolaio (1956) è giornalista e scrittore. È stato deputato per quattro legislature e sottosegretario al ministero dell¿Ambiente dal 1996 al 2001. Tra i suoi libri ricordiamo “Ecoprofughi. Migrazioni forzate di ieri, di oggi, di domani” (NDA Press, 2010). Per Einaudi ha pubblicato, con Telmo Pievani, “Libertà di migrare” (2016).

Laureato in Scienze Politiche con una tesi in Diritto Costituzionale Comparato. Ha ricoperto vari incarichi politici regionali e nazionali nel Partito di Unità Proletaria e nel PCI. Per molti anni è stato consigliere comunale a Macerata dove vive. Deputato italiano per 4 legislature, è eletto per la prima volta nel 1992 arrivando secondo nella lista regionale. Nelle tornate successive del 1994, 1996 e 2001 è il vincitore nel collegio di Macerata. È sempre stato appartenente al gruppo DS, prima ricoprendo il ruolo di Vice presidente della Commissione Ambiente nel periodo 19941996, poi facendo parte della Presidenza del Gruppo nazionale nel periodo 2001-2006. Dal 1996 al 2001 è stato sottosegretario al Ministero dell’Ambiente. Contrario alla nascita del PD ha aderito prima a Sinistra Democratica seguendone l’intero percorso fino alla nascita di Sinistra Ecologia e Libertà

Nonostante l’impegno politico ha proseguito nell’attività di ricerca e ha ottenuto due borse di studio di storia costituzionale in Francia a Parigi nel 1982 e in Inghilterra a Exeter nel 1984. È stato professore a contratto di Diritto Costituzionale all’Università di Macerata negli anni accademici 19901991 e 19911992. È stato consulente del segretariato della Convenzione Onu per la lotta alla siccità e alla desertificazione (Unccd).

LIBRI | Libertà di migrare

Fratel Stefano Caria

Cagliaritano d’origine, vive dal 2004 a Polistena (Rc) dove dirigere due comunità di accoglienza e un centro diurno (in tutto 30 minori), presiede la cooperativa sociale I.D.E.A. che fa parte del “Goel Gruppo Cooperativo”, tra le otto finaliste del Premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” 2017. Laureato in Scienze della Educazione presso la Lumssa di Roma, con un master in Social project management, fa parte dal ’94 della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione. Fa parte del Cda del gruppo Goel e dal 2016 presiede la cooperativa sociale Goel Bio.

Convegno | Economia sociale e nuova occupazione. Esperienze a confronto

PREMIO | Cerimonia conclusiva del premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” 2017

 

Matilde Casa

Matilde Casa è il sindaco di Lauriano (TO), dove guida una giunta al femminile ma per professione si occupa di agricoltura. È stata processata (e assolta) per aver “trasformato” un terreno edificabile in suolo agricolo. Nel 2016 ha ricevuto il Premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” promosso da Legambiente e La Nuova Ecologia insieme al Comiato organizzatore dei Casale Monferrato (Al). Con “Il suolo sopra tutto. Cercasi ‘terreno comune’: dialogo tra un sindaco e un urbanista”, la vicenda del sindaco di Lauriano diventa un libro. Scritto dalla stessa prima cittadina Matilde Casa e da Paolo Pileri, docente di Tecnica e Pianificazione urbanistica presso il Politecnico di Milano e responsabile del progetto VenTo, il volume descrive la vicenda che ha portato alla sbarra la sindaca per aver riqualificato “a uso agricolo” un’area collinare destinata a ospitare la realizzazione di alcune villette. I mass media nazionali si erano mobilitati a favore di Matilde Casa, considerata una paladina dell’ambiente. Infine, l’assoluzione scaturita dal processo presso il Tribunale di Torino. Il libro, suddiviso in due parti distinte, induce alla riflessione sul delicato tema del “consumo del suolo”.

LIBRI | Il suolo sopra tutto. Cercasi terreno comune

 

Elena Carmagnani

Architetto PhD, project manager. Si laurea con lode al Politecnico di Torino nel 1995 in progettazione architettonica. Tra il 1997 e il 1998 è Resident Artist presso l’Akademie Schloss Solitude di Stoccarda; nel 1997 ottiene un DEA (Diplome d’études approfondis) presso l’Ecole d’Architeture Paris Belleville; nel 1999 apre il suo studio STUDIO999; nel 2003 completa il Dottorato in Progettazione Edile presso il Politecnico di Torino e dal 2006 al 2014 è responsabile comunicazione e attività culturali di Urban Center Metropolitano di Torino. I suoi principali interessi e attività progettuali sono orientati alla comunicazione dei progetti, all’ architettura sostenibile e al paesaggio. OrtiAlti è nato dall’incontro tra Elena e Emanuela, due architetti con percorsi di ricerca e professionali diversi, che sono perfettamente confluiti nel nuovo progetto. Progettazione sostenibile, marketing urbano e programmazione culturale da un lato; progettazione partecipata, sociologia urbana e innovazione sociale dall’ altro: conoscenze, esperienze, metodi, approcci e passioni che oggi convergono in una nuova sfida condivisa.

Convegno | Economia sociale e nuova occupazione. Esperienze a confronto