Antonello Brunetti

Per il territorio in cui è nato, la Valle Scrivia, si è speso in ogni maniera: organizzando mostre, incontri pubblici e persino promuovendo scavi archeologici, denunciando già negli anni ‘70 i casi di smaltimento illecito e inquinamento industriale, agendo nel volontariato. Poi quando nel ’91 è emerso il progetto del Terzo Valico, finalizzato a costruire una linea ad alta velocità fra Genova e Milano, ha lanciato per primo l’allarme. E grazie alla mobilitazione che ha guidato, passando poi il testimone alle nuove generazioni, quell’opera inutile è fortemente in discussione. Oggi come insegnante è in pensione. Ma la passione per i suoi luoghi è quella di sempre. E’ tra gli otto finalisti del Premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” 2017.

PREMIO | Cerimonia conclusiva del premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” 2017