LIBRI | Libertà di migrare

Le specie umane migrano da almeno due milioni di anni. Lo hanno fatto prima in Africa, poi ovunque e il risultato è che il quadro delle popolazioni umane si è arricchito: fughe, ondate, convivenze, selezione naturale, sovrapposizione tra flussi successivi, forse conflitti tra diverse specie umane, fino all’Homo Sapiens. Gli …

Valerio Calzolaio

Valerio Calzolaio (1956) è giornalista e scrittore. È stato deputato per quattro legislature e sottosegretario al ministero dell¿Ambiente dal 1996 al 2001. Tra i suoi libri ricordiamo “Ecoprofughi. Migrazioni forzate di ieri, di oggi, di domani” (NDA Press, 2010). Per Einaudi ha pubblicato, con Telmo Pievani, “Libertà di migrare” (2016).

Laureato in Scienze Politiche con una tesi in Diritto Costituzionale Comparato. Ha ricoperto vari incarichi politici regionali e nazionali nel Partito di Unità Proletaria e nel PCI. Per molti anni è stato consigliere comunale a Macerata dove vive. Deputato italiano per 4 legislature, è eletto per la prima volta nel 1992 arrivando secondo nella lista regionale. Nelle tornate successive del 1994, 1996 e 2001 è il vincitore nel collegio di Macerata. È sempre stato appartenente al gruppo DS, prima ricoprendo il ruolo di Vice presidente della Commissione Ambiente nel periodo 19941996, poi facendo parte della Presidenza del Gruppo nazionale nel periodo 2001-2006. Dal 1996 al 2001 è stato sottosegretario al Ministero dell’Ambiente. Contrario alla nascita del PD ha aderito prima a Sinistra Democratica seguendone l’intero percorso fino alla nascita di Sinistra Ecologia e Libertà

Nonostante l’impegno politico ha proseguito nell’attività di ricerca e ha ottenuto due borse di studio di storia costituzionale in Francia a Parigi nel 1982 e in Inghilterra a Exeter nel 1984. È stato professore a contratto di Diritto Costituzionale all’Università di Macerata negli anni accademici 19901991 e 19911992. È stato consulente del segretariato della Convenzione Onu per la lotta alla siccità e alla desertificazione (Unccd).

LIBRI | Libertà di migrare